Schermata 2018-12-03 alle 12.13.19

dic 2018

La mostra, organizzata dal Consiglio nazionale delle ricerche ha come tema gli oceani, di cui celebra l’importanza (producono il 50% di ossigeno nell’atmosfera) e ne sottolinea i rischi. Oggi, infatti, la salute dei nostri mari è messa in difficoltà “dall’inquinamento, in particolare per la presenza di plastiche e microplastiche, dai cambiamenti climatici e dallo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche”, sottolinea il direttore dell’Istituto di geoscienze e georisorse (Cnr-Igg) Antonello Provenzale.

La mostra ‘Aquae, il futuro è nell’oceano’, è stata inaugurata presso la Digital library della sede centrale del Cnr, alla presenza del capo dello Stato, Sergio Mattarella, in occasione dei 95 anni dalla fondazione dell’Ente. Attraverso visite guidate per le scuole, col supporto dei ricercatori del Cnr, gli studenti si muovono lungo un percorso didattico, e apprendono le modalità con cui si fa ricerca in mare e come il Consiglio monitora le acque. Una occasione utile per raccontare la scienza e sensibilizzare il pubblico sulla importanza dell’oceano, vero e proprio ‘polmone blu’, che assorbe il 35% della CO2 prodotta dalle attività umane.

Grazie a esperimenti, attrezzature scientifiche, modelli in scala e videoinstallazioni, sono descritte le principali caratteristiche dell’ambiente marino. I ragazzi trovano risposta a domande tipo: come si formano le onde e le correnti? Che legame c’è tra mare e clima terrestre? La visita si chiude con una riflessione sul futuro e la salvaguardia degli oceani e sulla necessità di adottare comportamenti e politiche virtuosi.

La mostra è stata ideata e realizzata da: Ufficio Comunicazione, Informazione e Urp della Direzione Generale, Dipartimento scienze del sistema terra e tecnologie per l’ambiente (Cnr-Dta); vede il coinvolgimento di tutte le strutture che si occupano ri ricerca ambientale: Istituto di scienze marine (Cnr-Ismar), Istituto per lo studio degli impatti antropici e la sostenibilità in ambiente marino (Cnr-Ias), Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima (Cnr-Isac), Istituto di ingegneria del mare (Cnr-Inm).

Per ulteriori info, visitare il sito http://aquae.cnr.it

Leave a Reply

  • (will not be published)