bright2017

ott 2017

Il 29 settembre, l’Area della ricerca di Pisa i ricercatori del Cnr hanno festeggiato a porte aperte la notte più lunga a loro dedicata ogni anno in tutta Europa.
Oltre 50 i laboratori aperti sin dal pomeriggio, dalla nutraceutica, ai giochi per nativi digitali, senza dimenticare la prevenzione di malattie neurologiche.
Cinque, invece, le aree tematiche che ancora una volta ci hanno guidato nell’area pisana della ricerca in un percorso di iniziative multidisciplinari: Nuove tecnologie, Patrimonio Culturale, Sviluppo Sostenibile, Salute e Benessere e Natura. E tra queste i ricercatori ci hanno mostrato, in particolare, i seguenti progetti, laboratori o seminari:
Exergame “Percorso ad ostacoli” (Ifc-Cnr), il risultato di uno studio pilota finalizzato alla realizzazione di un gioco destinato alla riabilitazione degli arti superiori;
Internetopoli e Social Media Addiction (Registro.it e Iit), un viaggio alla scoperta di Internetopoli con la Ludoteca del Registro .it, rivolto soprattutto ai piccoli internauti;
Chimicando (Ibcf), idato con lo scopo è quello di trasmettere il concetto che tutto quello che ci circonda è scienza; Tensegrity Challenge (Isti), le strutture basate sul principio della Tensegrity sono costituite da aste rigide e cavi ed hanno la caratteristica notevole di essere robuste pur riuscendo a mantenere tutti gli elementi rigidi staccati tra di loro e recentemente l’Isti ha inventato una nuova tecnica che permette la progettazione automatica di questa classe di strutture; Nutraceutica e funghi “buoni e cattivi” (Ibba), la composizione della dieta può influenzare i processi metabolici che sono alla base di molte patologie (cardiovascolari, metaboliche, tumorali);
Da scarto a risorsa: la seconda vita dei rifiuti elettronici (Iccom); come si può realizzare stampanti 3D utilizzando e riciclando i rifiuti elettronici.
Come ogni anno, non sono mancati gli intrattenimenti, con cinque spettacoli musicali e di ballo.

Vedi anche www.nottedeiricercatori.pisa.it

Leave a Reply

  • (will not be published)