Immagine

dic 2017

Si è svolto a Roma, presso la Sala di Fisica dell’Accademia dei Lincei (Roma – Via Lungara, 10), il convegno ‘Clima, agricoltura, migrazioni: risultati scientifici e scenari possibili’. L’evento organizzato dal Consiglio nazionale delle ricerche con la Presidenza del consiglio dei ministri in preparazione della Giornata mondiale dell’alimentazione del 16 ottobre ha affrontato i temi della sicurezza alimentare e delle emergenze migratorie associati al cambiamento climatico, che coinvolgono in maniera crescente le popolazioni dell’Africa e del Mediterraneo.

In apertura di discorso, il premier Paolo Gentiloni afferma che “dopo un decennio di significative riduzioni del numero di persone che nel mondo sono in una condizione di malnutrizione e insicurezza alimentare, apparentemente c’è stato un rimbalzo negativo di aumento di queste cifre. E questo deriva in parte dai fenomeni climatici, oltre che dagli effetti devastanti dei conflitti e crisi locali”. Da qui sottolinea l’importanza che la politica sia presente per rispondere a una domanda di scienza, cui riconosce un ruolo fondamentale per risolvere le problematiche del  tema in oggetto e per aver messo in evidenza “la centralità dei rischi del cambiamento climatico”. “Senza la spinta da parte della ricerca scientifica” dice Gentiloni, “come avrebbe fatto la politica ad affermare questa centralità?”.

Al convegno sono intervenuti anche: José Graziano Da Silva, Massimo Inguscio, Alberto Quadrio Curzio, Maria Cristina Facchini, Francesco Miglietta, Maria Eugenia Cadeddu

Leave a Reply

  • (will not be published)