verza

gen 2014

“La cosa bella della montagna è che ha la dimensione verticale che avvicina al cielo; sali per scoprire orizzonti nuovi, per vedere di più ma mentre sali senti anche di più. Questo ti porta a diventare un animale con un grande spirito”. Ricercatore alpinista, Gian Piero Verza è nato e cresciuto tra le montagne e oggi si occupa del sistema di monitoraggio climatico del progetto EvK2 Cnr.

Chiamato da Agostino da Polenza e Ardito Desio a progettare la parte tecnologica della Piramide, è uno dei protagonisti di questa importante iniziativa internazionale del Cnr. La Piramide nasce nel 1990, è un laboratorio costruito nella Valle del Khumbu, Sagarmatha National Park, ai piedi del versante nepalese dell’Everest, dove oggi è possibile fare ricerca, in un’area remota, nelle migliori condizioni possibili.

L’ambiente himalayano pone molte sfide; lì su, a 5050 metri, è importante sviluppare nuove capacità per imparare ad usare le strumentazioni in una realtà così estrema, pericolosa e affascinante come la montagna. E l’Everest è la montagna “al cubo”, vivere e lavorare in questo luogo è anche una trasformazione interiore, perché questo “è un posto dove tu non sei, è lui che ti entra dentro, è lui che fa parte di te ogni giorno”.

 

Leave a Reply

  • (will not be published)