Immagine

mag 2018

Il periplo della Sardegna in barca a vela in compagnia degli scienziati per conoscere la ricerca e la tecnologia in ambiente marino. E’ quanto proposto ai ragazzi delle scuole superiori dal progetto di divulgazione scientifica ‘Lab Boat – navigare on la scienza’ promosso e organizzato dal CRS4, finanziato dalla Fondazione di Sardegna e che vede l’adesione di università e istituti di ricerca tra cui l’Istituto per l’ambiente marino costiero del Consiglio nazionale delle ricerche (Iamc-Cnr) di Oristano.

Il progetto vede impegnata la barca a vela ‘Adriatica’, utilizzata nella trasmissione ‘Velisti per caso’, nel periplo della Sardegna dal 24 aprile sino al 10 maggio, con a bordo studenti e ricercatori che durante la traversata si cimenteranno in laboratori didattici.

Nell’attività ‘Mediterraneo, un mare di plastica’, proposto dall’Iamc-Cnr, verrà affrontato l’argomento del ‘Marine Litter’, i rifiuti marini.

“La maggior parte del Marine Litter è composta da materiale plastico che non degradandosi continua, nel tempo, ad accumularsi negli ambienti naturali; anzi, nel tempo, i diversi pezzi di plastica si frammenteranno in pezzetti via via sempre più piccoli (microplastiche secondarie) diminuendo la percezione della loro presenza”, spiega Giuseppe Andrea de Lucia, ricercatore Iamc-Cnr. “Solo recentemente si è osservato che tale materiale non rappresenta unicamente un problema ‘estetico’, ma gli organismi marini interagiscono con la plastica, ad esempio ingerendola, permettendo ad essa di entrare nella catena alimentare, con implicazioni sulla salute degli ambienti naturali e degli organismi che li popolano”.

 

 

Leave a Reply

  • (will not be published)