Schermata 2019-03-13 alle 14.33.55

apr 2019

Nel 1954 l’Italia strappava il primato nella conquista del K2, la seconda vetta più alta del mondo. La spedizione, guidata da Ardito Desio, fu organizzata dal Cnr insieme al Club alpino italiano e all’Istituto geografico militare. Prodromiche alla conquista furono due spedizioni che sempre lo stesso Desio compì nel ‘52 e ‘53. Di quell’esperienze restano le memorie, scritte meticolosamente dal geologo e alpinista italiano, presentate al Cnr nel volume ‘Diari di viaggio. Karakorum, India e Pakistan – 1952 e 1953’.

L’evento, inaugurato dal direttore del Dipartimento di scienze umane e sociali e patrimonio culturale (Cnr-Dsu) Gilberto Corbellini, ha visto tra i relatori la figlia del geologo e alpinista, Mariela Desio, che ha condiviso i ricordi legati alla figura del padre e della spedizione verso il K2. Presenti tra gli invitati, anche l’ambasciatore del Pakistan, Nadeem Riyaz.

L’attore Pino Calabrese si è cimentato in una lettura di alcuni brani tratti dal volume fresco di stampa.

Il libro è edito dall’associazione ‘Ardito Desio’. E’ corredato da un ricco apparato critico e iconografico, con numerose fotografie originali e inedite, e da una pregevole introduzione utile a contestualizzare i contenuti, a cura di Paolo Antonio Zambianchi.

 

Leave a Reply

  • (will not be published)