Schermata 2018-09-13 alle 10.18.57

set 2018

L’Istituto per l’ambiente marino costiero di Taranto (Cnr-Iamc) studia alcune particolarità dei molluschi che popolano le acque marine del capoluogo pugliese. Nei suoi fondali, infatti, vivono organismi alieni, originari di altri mari, come nel caso della ‘Melibe viridis’, che attraverso il canale di Suez è giunta nel Mediterraneo dall’Oceano Indiano. Si tratta di un mollusco senza conchiglia, i cui movimenti, lenti e sinuosi, specie per via di un mantello di cui è dotata, ricordano quelli di una danza.

Ci sono poi le ‘lepri di mare’, la ‘Bursatella leachii’ e la ‘Aplysia dactylomela’. La prima proviene dal Mar Rosso, è una specie erbivora osservabile nelle basse profondità; la seconda, di origine atlantica, è facilmente riconoscibile per le caratteristiche macchie a cerchi irregolari.

Le immagini subacquee girate dai ricercatori del Cnr-Iamc, ci consentono di osservare questi organismi, misteriosi quanto affascinanti, che non costituiscono un rischio per l’uomo, ma come si conviene in certi casi, è meglio rimanere a guardare la natura piuttosto che ‘invaderla’.

Leave a Reply

  • (will not be published)