Museo Nazionale Budapest

apr 2017

Questa installazione, realizzata dall’Itabc-Cnr in collaborazione con E.V.O.CA. srl nell’ambito del progetto europeo Cemec – Connecting early medieval european collections, è in mostra al Museo nazionale ungherese di Budapest.

Si tratta di una tipologia nuova di vetrina olografica contenente l’oggetto museale. “La novità sta soprattutto nel modo di comunicare un oggetto museale”, spiega Eva Pietroni, ricercatrice Itabc-Cnr. “In questo caso abbiamo una spada avara che è esposta nello steso museo: il video mostra i contenuti integrali e il backstage della costruzione e dell’allestimento”.

La comunicazione è concepita in tre fasi: fruizione neutra per la comprensione di base dell’oggetto, contestualizzazione con proiezione sulla parete, visione analitica dei dettagli dell’oggetto.

“Oltre ai contenuti multimediali vi è il controllo in tempo reale delle luci che si accendono e spengono nella vetrina per evidenziare o nascondere dettagli dell’oggetto. Esse entrano a tutti gli effetti nel compositing generale”, conclude Pietroni.

I contenuti verranno ulteriormente sviluppati in previsione delle mostre che saranno ospitate presso importanti musei nazionali europei (Amsterdam, Atene, Bonn, Bruxelles), tra il 2017 e il 2019 incluso.

Leave a Reply

  • (will not be published)