Immagine

gen 2018

In occasione del Giorno della Memoria,  che si celebra il 27 gennaio per commemorare le vittime dell’Olocausto, il Consiglio nazionale delle ricerche ricorda la figura e l’opera del suo primo presidente attraverso la mostra ‘Vito Volterra. Il coraggio della scienza’, allestita nel Corridoio Digitale della Sede centrale dell’Ente e aperta sino al 31 gennaio 2018.

Il video online è stato realizzato in occasione dell’inaugurazione della mostra su Volterra al Museo Ebraico di Roma, nel 2016, nell’ambito della nona edizione del Festival internazionale di letteratura e cultura ebraica.

Vito Volterra, matematico, senatore, fondatore del Cnr e della Società italiana per il progresso delle scienze (Sips) e presidente dell’Accademia dei Lincei, unì autorevolezza scientifica e visione strategica, perseguendo l’obiettivo di una società basata su un forte rapporto tra università, ricerca pubblica, politica e industria. Fu animato dalla convinzione dell’unicità della cultura e del suo ruolo di volano dello sviluppo, coinvolse nuovi campi di studio, in una visione di respiro ampio e internazionale. Non minore fu il suo coraggio civile, dall’impegno come volontario nella Grande Guerra, alla nascita del Cnr nel 1923, fino al periodo del Fascismo: Volterra firmò il ‘Manifesto Croce’ degli intellettuali antifascisti e rifiutò di prestare il giuramento di fedeltà imposto dal regime ai professori universitari, che lo portò a non essere più rinnovato nelle cariche di presidente dell’Accademia dei Lincei e del Cnr. Le sue condizioni di vita peggiorarono con l’emanazione delle leggi razziali nel 1938.

La mostra, ospitata nel 2017 presso l’Università di Ancona, città natale dello scienziato, è stata curata da Sandra Fiore e Maurizio Gentilini, con il coordinamento di Marco Ferrazzoli e la collaborazione, tra gli altri, dell’Accademia dei Lincei, da dove proviene la maggior parte dei documenti. La realizzazione è stata possibile anche grazie al contributo di Virginia ed Enrico Volterra, di Roberto Natalini, direttore dell’Istituto per le applicazioni del calcolo del Consiglio nazionale delle ricerche, di Giovanni Paoloni, dell’Università ‘La Sapienza’, di Alfea cinematografica, Ariela Piattelli e Raffaella Spizzichino della Golda International Events e di Marco Panella di Artix.

Leave a Reply

  • (will not be published)