Apr 2015

Dopo i lavori di ammodernamento avviati da qualche anno, la Presidenza del Consiglio nazionale delle ricerche si mostra per la prima volta al grande pubblico grazie a un tour virtuale a 360° in altissima definizione, disponibile online nella homepage del sito istituzionale (http://www.cnr.it/vt). La galleria immersiva è stata ufficialmente lanciata su internet con un ‘click’ di inaugurazione dal presidente, Luigi Nicolais. La visita virtuale, realizzata da specialisti del Laboratorio di archeologia immersiva e multimedia dell’Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam-Cnr) di Catania, è accessibile da computer, tablet e smartphone. È possibile percorrere i corridoi e visitare i luoghi della storica sede, alla scoperta dei personaggi che hanno fatto la storia della ricerca in Italia.

“Le competenze di giovani specialisti del Laboratorio – dichiara Daniele Malfitana, direttore dell’Ibam-Cnr – solitamente abituati a lavorare per la ricostruzione e la realizzazione di percorsi di visita immersiva di complessi archeologici come Pompei, sono state messe a disposizione per dare la possibilità al pubblico di conoscere gli spazi in cui hanno dato forma alle proprie idee grandi studiosi e scienziati come Enrico Fermi, premio Nobel per la fisica nel 1938, Rita Levi-Montalcini, premio Nobel per la medicina 1986, Vito Volterra, fondatore del Consiglio nazionale delle ricerche nel 1923”.

Il visitatore può scegliere il percorso da seguire, accompagnato da cenni storici e approfondimenti sui luoghi, gli oggetti e i protagonisti della ricerca scientifica italiana, in un’ambientazione realistica, scoprendo la lunga storia del primo Ente di ricerca in Italia, dal 1923 ad oggi. Tra le tappe, oltre allo studio del Presidente, che contiene reperti archeologici della Collezione Gorga affidata al Cnr nel 1977 dalla Soprintendenza per i beni archeologici di Roma, si potranno ammirare gli affreschi della Sala Marconi realizzati dall’artista Antonio Achilli (1903 – 1993) e da poco restaurati, che ritraggono i giganti della scienza italiana dall’antichità ai giorni nostri: da Archimede a Lucrezio Caro, da Galileo a Leonardo Da Vinci ad Alessandro Volta e Cristoforo Colombo. Tutto con una accuratezza di dettaglio che consente di apprezzarli in ogni particolare.

“Utilizziamo le nuove tecnologie per aprire le porte e far conoscere le bellezze del Cnr”, dichiara il Presidente Nicolais. “La prima applicazione dedicata alla sede centrale, grazie a conoscenze e competenze sviluppate in campi diversi del sapere, rende possibile scorrere la galleria dei Presidenti, entrare nello studio di Marconi, scoprire la scrivania di Badoglio, meravigliarsi degli affreschi di Achilli, sorridere alla bellezza delle calcolatrici meccaniche. Un piccolo tour che auspico di estendere al più presto anche alle altre sedi storiche di particolare interesse e bellezza. Valorizzare i luoghi che quotidianamente ci ospitano, rendendoli noti e accessibili, aiuta a condividere la passione e l’interesse verso la scienza e alimenta l’idea della conoscenza come patrimonio comune da sostenere e tutelare. Obiettivi da non sottovalutare né dimenticare”.

Leave a Reply

  • (will not be published)