Immagine

mag 2020

Rai3 TgR Umbria- L’Urlo di Munch tornerà presto all’omonimo museo di Oslo grazie al Consiglio nazionale delle ricerche. Un recente studio sull’opera, condotto da un team internazionale, coordinato dal Cnr, ha rilevato che la causa principale del suo deperimento non è la luce ma l’umidità, che è una delle cause principali di degrado dei pigmenti gialli di cadmio. La ricerca, che si è avvalsa dell’utilizzo di metodologie spettroscopiche non-invasive del Cnr Molab, e micro-analisi presso l’ESFR di Grenoble fornisce le indicazioni per esibire permanentemente il dipinto in condizioni di sicurezza.  Intervista a: Costanza Miliani Direttore  Istituto Scienze Patrimonio Culturale del Cnr.

 

Leave a Reply

  • (will not be published)