Nov 2013

Uno studio dei ricercatori dell’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibcn-Cnr), in collaborazione con un team internazionale, ha portato all’identificazione del gene e dell’enzima responsabili dell’attività dell’oxamnichina.

La Schistosomiasi è una patologia causata da un parassita del genere Schistosoma, che affligge circa 200 milioni di persone che abitano le aree più povere del mondo, e causa ogni anno circa 300mila morti: provoca conseguenze talmente gravi da essere considerata seconda solo alla malaria tra le malattie parassitarie. Finora si pensava che l’oxaminchina fosse adatta a sconfiggere solo una delle due specie di parassita che causano la malattia, lo Schistosoma mansoni. Lo studio condotto dall’Ibcn-Cnr e pubblicato dalla rivista Science suggerisce, però, una nuova via per la cura di questa malattia, meno invasiva e più efficace rispetto al metodo chemioterapico utilizzato finora.

Leave a Reply

  • (will not be published)