Immagine

mar 2014

Al via un’alleanza strategica tra il Consiglio nazionale delle ricerche e Confartigianato Imprese per diffondere la ricerca scientifica e l’innovazione tecnologica nell’artigianato e nelle piccole imprese, con l’obiettivo di rendere le Pmi più competitive nel mercato globale.

“Questo accordo conferma la volontà dell’Ente di sostenere la diffusione dell’innovazione a 360 gradi”, dichiara Luigi Nicolais, presidente del Cnr. “Attraverso questa intesa intendiamo affiancare le imprese, raccogliere la loro domanda di innovazione, sostenerne la crescita favorendo l’accesso diretto a competenze, tecnologie e servizi avanzati già sviluppati dalla rete di ricerca. L’intesa consentirà poi, attraverso la partecipazione ai programmi di finanziamento regionali e comunitari, di progettare e realizzare nuovi prodotti di elevato valore estetico e qualitativo, patrimonio della grande tradizione artigiana italiana”.

“Contrariamente a quanto si pensa, le aziende sono fortemente interessate alla ricerca e all’innovazione tecnologica“, sottolinea il presidente di Confartigianato Giorgio Merletti. “ Secondo una nostra indagine, la grande maggioranza delle piccole imprese leader d’innovazione dedica il 13% del monte ore lavorate in un anno ed investe circa 1,8 miliardi di euro l’anno in una costante attività di ricerca, sperimentazione, invenzione, prototipazione, oscura ai più perché si svolge quasi esclusivamente nel chiuso delle mura aziendali”.

L’accordo, che avrà la durata di tre anni, prevede 4 assi di intervento: lo sviluppo di una struttura didattica di alta formazione e interscambio tra imprenditori e ricercatori Cnr, una rete di supporto per le microimprese, lo sviluppo di una serie di collaborazioni locali e la programmazione di iniziative comuni a livello regionale, nazionale, europeo e internazionale.

 

 

 

Leave a Reply

  • (will not be published)